HEADER covid manager.jpg
‹ torna alle news
Covid Manager - chi e cosa fa

Dai matrimoni ai congressi, ecco quando sarà necessario il Covid manager...

da IL SOLE 24 ORE  del 21/05/2021


Una figura relativamente nuova già presente nelle aziende o nelle produzioni cinematografiche, un referente 'ad hoc' per verificare il rispetto di documenti, autorizzazioni e normative riguardo il coronavirus, ora saranno presenti in:
  • Eventi sportivi
  • Matrimoni o eventi sociali con + di 50 persone
  • Ristoranti con grande affluenza
  • Aziende

Il debutto in ambito scolastico

Il ruolo del referente Covid ha fatto il suo debutto con la riapertura delle scuole che, già da quest'anno, avevano l'obbligo di individuare un responsabile che facesse da interfaccia con il Dipartimento di prevenzione per informare su eventuali casi o focolai nell'istituto.

Ma il ruolo del “Covid manager”, presente anche nelle strutture sanitarie assistenziali, si è presto diffuso nelle principali aziende italiane, seppur in forma volontaria.

Il corso che autorizza a ricoprire questo ruolo sarà on-line in formula FAD e durerà 6 ore.

Covid Manager

Per sopravvivere bisogna innovare.

 

La pandemia Covid ci obbliga a difese forti e importanti, e per farvi fronte molte grandi aziende si sono già dotate di una nuova e importante figura, il “Covid Manager”, che dovrà essere introdotta in tempi brevi anche nelle PMI, che potranno avvalersi di professionisti capaci di coniugare diverse competenze trovando formule produttive in favore della sicurezza.

Un modello da applicare nei settori commercio, turismo e servizi.

Contrastare il rischio contagio, far rispettare le regole di sicurezza, ridurre i rischi di contagio… gli impegni che ci si deve assume per far fronte alla pandemia da Sars-CoV-2 sono molti e avere una figura di riferimento per coordinare l’applicazione delle misure anticontagio diventa un’utile e pratica soluzione.

 

Questa figura deve far parte della rete aziendale di prevenzione, ai sensi del decreto legislativo 9 aprile 2008 numero 81 e normalmente affidata al datore di laroro – RSPP – O altro indicato dal titolare.

 

Questo però implica la distrazione da impegni aziendali di figure importanti con conseguente perdita di efficienza aziendale, ecco perché diventa indispensabile in tempi di Pandemia avere un referente dedicato ai controlli ambientali, strutturali e documentali appunto un COVID MANAGER.

Il COVID Manager, infatti, diventa una figura molto importante anche per agevolare le attività di tracciamento dei contatti.

Per garantire l’applicazione del protocollo anticontagio, il Referente Unico COVID si interfaccia con dirigenti e preposti.

 

Nello specifico il COVID Manager si occupa di

Þ     Sicurezza, relativa alle norme anticontagio

Þ     Informare i lavoratori e/o chi frequenta l’attività

Þ     Limitare le occasioni di contatto,

Þ     Garantire la rilevazione della temperatura corporea,

Þ     Far rispettare il distanziamento tra le persone,

Þ     Assicurare che le norme di igiene vengano seguite,

Þ     Garantire l’utilizzo dei dispositivi di protezione individuale,

Þ     Controllare Green Pass o documenti analoghi

Þ     Gestire gli eventuali casi positivi.

Tutte situazioni che se non seguite a dovere potrebbero causare sanzioni amministrative pesanti e la chiusura temporanea dell’attività inadempiente

 

In conclusione

Adottare la figura di un COVID Manager non è al momento obbligatorio per le ditte individuali e le imprese a conduzione familiare, ma è fortemente raccomandato soprattutto nelle realtà produttive, commerciali ludiche o sociali in cui lavorano o transitano molte persone.